CJ McCollum sta giocando contro i Raptors

I Portland Trail Blazers chiudono una trasferta di sei partite domenica con un match contro i Toronto Raptors. CJ McCollum, che ha saltato quasi sei settimane a causa di un collasso del polmone destro, ha giocato nelle ultime tre partite di Portland. La guardia tiratrice stellare di Portland tornerà sul pavimento a nord?

CJ McCollum sta giocando contro i Raptors
McCollum ha avuto un inizio caldo nel 2021-22, riprendendo il gioco lasciato dalle peggiori lotte legate agli infortuni di Damian Lillard. Ha segnato una media di 23,8 punti, 4,2 rimbalzi e 4,0 assist nelle prime due settimane della stagione regolare, segnando tre con un clip del 44,2% su quasi 10 tentativi a partita. McCollum si è notevolmente raffreddato da lì, però, tirando appena sopra il 40% dal campo e con una media di 18,7 punti a partita dall’inizio di novembre all’inizio di dicembre.

McCollum è stato inizialmente indicato come discutibile con una contusione alla costola per l’inclinazione di Portland con i LA Clippers il 6 dicembre. È stato quindi declassato a fuori dal rapporto finale sull’infortunio e il giorno dopo i Blazers hanno annunciato che McCollum sarebbe stato messo da parte a tempo indeterminato dopo che gli era stato diagnosticato un pneumotorace del polmone destro.

Il 23 dicembre, Portland ha annunciato che il polmone di McCollum era completamente guarito e che era stato autorizzato per esercitazioni senza contatto. Sebbene il team abbia indicato che un altro aggiornamento sullo stato di McCollum sarebbe arrivato la settimana successiva, non ha ancora annunciato ulteriori dettagli sul suo potenziale ritorno in sala.

Chris Haynes di Yahoo Sports ha riferito il 12 gennaio che McCollum e sua moglie, Elise, stavano presto aspettando il loro primo figlio e che sarebbe tornato in formazione dopo la nascita. Chauncey Billups ha confermato prima della sconfitta di Portland contro i Denver Nuggets il giorno dopo che il figlio di McCollum era nato e che presto avrebbe incontrato la sua squadra in trasferta.

“Sta andando alla grande”, ha detto Billups di McCollum. “Probabilmente non si sta riposando molto in questo momento. Ma ci aspettiamo che CJ si unisca a noi nel viaggio nella prossima partita o nella partita successiva. Non ne siamo ancora sicuri”.

 

在 Instagram 查看这篇帖子

 

CJMcCollum (@3jmccollum) 分享的帖子

Shams Charania di The Athletic ha successivamente riferito che McCollum avrebbe fatto il suo tanto atteso ritorno contro gli Orlando Magic il 17 gennaio. Giocando con un limite di minuti, McCollum ha segnato 17 punti su 6 su 13 nella vittoria per 98-88 dei Blazers. Due giorni dopo ha ottenuto 20 punti nel primo tempo contro i Miami Heat, lottando lungo il tratto della dura sconfitta di Portland, poi ha perso 24 punti, cinque rimbalzi e quattro assist in una vittoria sui Boston Celtics.

“Mi sento bene, mi sento bene”, ha detto McCollum dopo la partita di Orlando. “Ho lavorato molto duramente nel corso delle ultime settimane, allenandomi, rafforzando il mio corpo, alzando i colpi anche quando sono stanco. Penso che tu possa dirlo.

McCollum sta giocando contro i Raptors? Per la quarta partita consecutiva, tornerà in campo con i Blazers.

La star dei Raptors Fred VanVleet suona fuori dal ritorno di Kyle Lowry a Toronto

Kyle Lowry sfortunatamente potrebbe non ricevere una standing ovation al suo ritorno a Toronto a causa dei protocolli COVID, ma i suoi compagni di squadra dei Raptors gli daranno sicuramente un caloroso benvenuto.

Fred VanVleet, l’ex protetto di Kyle Lowry, ha parlato del ritorno di quest’ultimo a Toronto dopo aver firmato con i Miami Heat in bassa stagione. La guardia dei Raptors ha parlato con affetto del suo ex compagno di squadra, dicendo: (tramite Josh Lewenberg)

Non vedo l’ora di giocare contro il vecchio, di sicuro… non vedo l’ora di vederlo più di ogni altra cosa, come fratello e come amico. E poi ovviamente quando viene lanciato il jump ball è il momento di gareggiare”.

Non è un segreto che Lowry e VanVleet abbiano condiviso un legame insieme. I due hanno vinto insieme un campionato nel 2019, il primo anello nella storia dei Raptors. Lowry ha essenzialmente preso VanVleet sotto la sua ala, insegnandogli trucchi e modi per manipolare i difensori nonostante le sue dimensioni. Guarda giocare FVV e vedrai l’influenza che il suo ex compagno di squadra ha avuto su di lui.

Il ritorno di Kyle Lowry a Toronto è stato molto atteso, poiché è un amato membro dell’organizzazione. È stato uno dei fondamenti di questa squadra e ha riportato il franchise alla rilevanza insieme a DeMar DeRozan. Sfortunatamente, un’ondata di COVID-19 in Canada significava che la Scotiabank Arena non sarebbe stata aperta ai fan quando gli Heat avrebbero visitato i Raptors.

Tuttavia, l’organizzazione dei Raptors sta probabilmente pianificando qualcosa di speciale per il ritorno di Lowry a Toronto. Ciò non significa, tuttavia, che Fred VanVleet e i Raptors daranno al loro ex capitano una vittoria facile.

Ja Morant sta giocando contro i Clippers

Sabato pomeriggio i Memphis Grizzlies faranno visita alla Crypto.com Arena per affrontare i LA Clippers. La star del terzo anno Ja Morant ha ballato per Memphis in questa stagione. Tuttavia, c’è la possibilità che sabato non sia in divisa a causa di un infortunio. Tuttavia, vale comunque la pena chiedersi: Ja Morant sta giocando contro i Clippers?

Ja Morant sta giocando contro i Clippers?
Beh, Ja Morant suonerà stasera? Grizzlies PR ha annunciato su Twitter che Morant è in dubbio contro i Clippers a causa del dolore alla coscia sinistra.

I Grizzlies devono ancora rilasciare un aggiornamento, ma considerando il suo stato attuale, sembra più probabile che Morant se ne stia fuori rispetto a Los Angeles. Memphis è probabilmente meglio concedere la notte libera al 22enne, considerando che la partita di sabato è l’estremità anteriore di un set back-to-back contro le due squadre di Los Angeles.

I Clippers sono gravemente indeboliti in questo momento con molti ragazzi in disparte, tra cui Paul George e Kawhi Leonard. Detto questo, potrebbe essere un’idea migliore per i Grizzlies far riposare Morant davanti a quella che dovrebbe essere un’altra intrigante resa dei conti contro LeBron James e i Los Angeles Lakers.

Tuttavia, non sembra che questo sia un infortunio che manterrà Morant sullo scaffale per un lungo periodo. Il playmaker di alto livello ha già saltato 12 partite in questa stagione dopo aver subito una distorsione al ginocchio sinistro in una partita di fine novembre contro gli Atlanta Hawks.

Nonostante la mancanza della loro stella in franchising, i Grizzlies sono andati in lacrime, vincendo 10 delle 12 partite in assenza di Morant. Al suo ritorno, tuttavia, Memphis ha perso due partite consecutive, sfavillando affermazioni ridicolmente stupide secondo cui i Grizzlies stanno meglio senza il Rookie of the Year 2019-20. Da allora i Grizzlies sono stati la squadra più calda dell’Occidente guidata da Morant, che ha una media di 29,4 punti su 53,3 tiri dal campo e il 53,8% da oltre l’arco in questo tratto. Anche se sabato il loro giovane leader non è all’altezza, i Grizzlies hanno dimostrato di essere più che capaci di tenere a bada il forte. Tuttavia, si spera che questo risponda alla domanda che tutti si ponevano: Ja Morant suona stasera.

Jaylen Brown si unisce a Larry Bird e Jayson Tatum nel libro dei record dei Celtics con uno sfogo di 50 punti

Jaylen Brown si sta trasformando in qualcos’altro per i Boston Celtics. In una stagione piena di turbolenze e incertezze, l’attaccante stellare è stato un punto luminoso per la squadra, trasformandosi ogni volta in una solida uscita dopo l’altra. Contro gli Orlando Magic, Brown ha dato spettacolo, segnando 50 punti per portare i Celtics a una vittoria per 116 – 111.

Non molti giocatori possono dire di aver segnato 50 punti nella stagione regolare. C’è solo una manciata di giocatori che l’hanno fatto per i Celtics: Isaiah Thomas, Paul Pierce, il compianto Sam Jones, Kevin McHale, Larry Bird, Jayson Tatum e ora Jaylen Brown si unisce a quella tanto decantata lista. (tramite Tim Bontemps)

Restringi ulteriormente la ricerca e la prestazione di Brown si colloca ancora più in alto nei leggendari libri di storia dei Celtics. Ci sono stati solo due giocatori prima di Brown ad accumulare 50 punti e 10 rimbalzi nella stessa partita per Boston: Bird e Tatum. Con la prestazione di 50 punti e 11 rimbalzi di Brown, si unisce a quella lista decorata.

La stagione dei Celtics è stata una corsa confusa per i suoi fan e per tutti coloro che lo guardavano. Con il nuovo allenatore Ime Udoka che sostituisce Brad Stevens e un roster riorganizzato, la squadra ha fatto su e giù per le proverbiali montagne russe. Il dramma fuori dal campo è stato diffuso anche a Beantown, con Marcus Smart e Udoka che hanno lanciato colpi verbali alla squadra durante le sessioni con i media.

Questa squadra ha talento però. Brown e Tatum sono una coppia che nessuna squadra vuole mai affrontare e che vuole allontanarsi dai Celtics. È solo questione di capire come far combaciare i loro pezzi. C’è un sacco di tempo per loro per riguadagnare il loro passo nella stagione.

Chris Boucher sull’essere un’opzione numero 1 dopo la partita dei 76ers

In una partita in cui ai Toronto Raptors[canotte basket Toronto Raptors poco prezzo] mancava ancora una parte significativa della loro rotazione, inclusi tutti i centri tipici (di cui il roster probabilmente non ne ha comunque nessuno), Chris Boucher ha intensificato con la sua migliore prestazione della stagione fino ad oggi.

“Dopo la partita di Cleveland, mi ha dato una prospettiva del tipo, ‘Ero davvero pronto per essere l’opzione numero 1?'”, ha detto Boucher. “Vedi ragazzi che lo fanno ogni giorno: Fred [VanVleet], Pascal [Siakam], Gary [Trent Jr.]. Entrano e, sai, è un po’ più difficile di quanto ti aspetti. Quindi è stata una bella esperienza per me e mi ha fatto capire cosa potevo davvero fare”.

Nonostante i Philadelphia 76ers avversari siano entrati in partita con la maggior parte delle loro formazioni regolari, i Raptors sono riusciti a resistere dalla punta fino alla sirena, non riuscendo a chiudere le cose negli ultimi due minuti quando Joel Embiid li ha martellati nella vernice. È stato uno sforzo miracoloso, con l’esibizione di Boucher che li ha guidati lungo la strada.

“La cosa più importante era che era pronto a raccogliere la sfida”, ha detto il capo allenatore Nick Nurse. “Ho avuto un altro piccolo incontro con lui prima della partita, sai, ‘Stasera stai regalando un paio di sterline, quindi fai del tuo meglio.’ Ed era pronto a combatterli e ho pensato che li avesse feriti. Hanno dovuto togliergli di dosso Embiid perché li stava facendo male dall’altra parte, allo stesso modo o più, a dire il vero.

Il 28enne è stato implacabile sul tabellone, ottenendo 19 (eguagliando il record in carriera per la seconda volta) dei 43 rimbalzi totali della squadra. Era anche iper-efficiente come marcatore, qualcosa che non è stato per la stragrande maggioranza di questa stagione e un ruolo che la maggior parte si aspettava che Gary Trent Jr. ricoprisse al suo ritorno. Boucher ha perso 28 punti con una rovente percentuale di tiro reale di 88,8, illuminando Philadelphia dalla distanza, intorno al bordo a metà campo e in fuga in transizione.

Solo due volte un giocatore ha segnato almeno 28 punti e 19 rimbalzi nella storia dei Raptors, entrambe prestazioni di Boucher. La franchigia non ha mai avuto una partita da 30 punti e 20 rimbalzi, anche se Boucher avrebbe potuto avere l’ultima parte se i segnapunti non avessero stabilito quella che avrebbe potuto essere la sua ventesima tavola come rimbalzo di squadra.

“Non mi hanno dato il mio ultimo rimbalzo, eh?” Il talento dei Raptors Chris Boucher ha chiesto dopo la partita. “Fa male.”negozio canotte basket poco prezzo

Questo non è, ovviamente, il tipo di esibizione che i Raptors possono aspettarsi da Boucher ogni singola notte. Ma se riesce a gestire qualcosa anche solo la metà di questo gioco, ed evita regolarmente di essere negativo, allora forse la profondità di Toronto inizierà finalmente ad assomigliare di più a se stessa, qualcosa che ha faticato a fare per tutta la campagna.

VIDEO: La star di Nuggets Nikola Jokic, twerkando durante la soffiata, ha fatto ridere in modo incontrollabile l’arbitro

Con come Nikola Jokic ha giocato domenica contro i Los Angeles Clippers, è facile dimenticare che la partita è iniziata con un esilarante errore della stella dei Denver Nuggets.

Tuttavia, non lasceremo che questa gemma di un video venga facilmente dimenticata. Dopotutto, quanto spesso vedi l’MVP in carica dell’NBA twerkare in campo (beh, una specie di)?

Durante la puntata della partita Nuggets-Clippers, Jokic è stato sorpreso a twerkare — per caso! — dopo che l’arbitro Bill Kennedy ha impiegato un po’ di tempo a lanciare la palla. Alla fine, il funzionario non è stato in grado di issarlo al momento, poiché ha finito per ridere in modo incontrollabile alla vista di The Joker:

Ehi, almeno il serbo è all’altezza del suo soprannome!

È stato senza dubbio un momento esilarante, reso ancora più adorabile dalla reazione piuttosto imbarazzata di Nikola Jokic.

Fortunatamente per i Nuggets, ciò non ha impedito a Jokic di esibirsi in una performance mostruosa allo Staples Center Crypto.com Arena. Mentre i Clippers sono stati in grado di cancellare uno svantaggio di nove punti nel primo tempo e sono entrati nell’ultimo quarto in vantaggio di quattro, non hanno avuto risposta contro il lungo di Denver che ha catapultato la squadra verso la vittoria.

Jokic ha chiuso con 28 punti, 22 rimbalzi e otto assist nella vittoria per 103-100, facendo tutti i tipi di storia nel processo, incluso il più alto punteggio di efficienza del giocatore di tutti i tempi.

Donovan Mitchell, i Jazz sono il miglior attacco della NBA – e non è nemmeno vicino

Gli Utah Jazz stanno silenziosamente intaccando la carica della Western Conference. Non sono stati così appariscenti come una certa squadra nella Bay Area, ma sono stati in grado di farlo in modo coerente su entrambi i lati della palla. Gli exploit di Donovan Mitchell, così come le prestazioni tempestive dei principali giocatori di supporto, hanno permesso all’attacco di prosperare.

Questa esibizione dell’attacco Jazz li ha messi miglia al di sopra e al di là della concorrenza, e francamente non è nemmeno vicino. Letteralmente. La differenza tra l’infrazione prima classificata di Jazz e l’infrazione seconda classificata (Charlotte) è uguale al divario tra la squadra classificata 2a e la squadra classificata 15 (Knicks). (tramite Statmuse)

Le squadre Jazz guidate da Quin Snyder hanno tutte storicamente costruito su una difesa solida come una roccia per portarle durante le partite. Tuttavia, è diventato sempre più chiaro nel corso degli anni che questo stile di gioco non è sostenibile. L’arrivo di Donovan Mitchell ha iniziato una transizione verso uno schema offensivo migliore, ed è migliorato sempre di più fino ad oggi.

Il problema per i Jazz, tuttavia, non è stato il loro attacco nella stagione regolare. I loro reati hanno spaziato dal mediocre al dominante assoluto. Nei playoff, però, tendono a vacillare molto. Resta da vedere se riusciranno a invertire questa tendenza in questa postseason, poiché avranno una dura competizione lungo la strada.

Tuttavia, hanno un sacco di aiuto in campo. L’impatto offensivo di Rudy Gobert sta lentamente ma inesorabilmente recuperando la sua reputazione in difesa (nonostante alcuni giocatori lo dicano). Mitchell è rimasto il catalizzatore dell’attacco Jazz, mentre la loro robusta rotazione della guardia fornisce scatti d’attacco ogni volta che è necessario. Riusciranno finalmente a mettere tutto insieme nella postseason? Il tempo lo dirà.

Aggiornamento sull’infortunio di Kristaps Porzingis dei Mavs dopo che un problema al piede ha costretto all’uscita anticipata

I Dallas Mavericks hanno assaporato la sconfitta contro i Minnesota Timberwolves domenica sera. Ma la perdita più grande è stata quella di Kristaps Porzingis, uscito dalla partita per infortunio.

La star dei Mavs ha avuto a che fare con un problema al piede che lo ha costretto a ritirarsi dal concorso, come riportato dalla giornalista del beat dei Mavs Callie Caplan. Porzingis ha lasciato il gioco a metà del terzo quarto, con la squadra che lo ha definito “dolore al piede destro”.

Stavano già giocando senza il volto della franchigia Luka Doncic, che continua a curare un infortunio alla caviglia che lo ha infastidito per tutta la stagione. Perdere Kristaps Porzingis per qualsiasi tempo li lascerebbe vulnerabili in classifica senza i loro due migliori giocatori.

Ma per fortuna, l’allenatore dei Mavs Jason Kidd ha avuto un aggiornamento positivo sull’infortunio di Porzingis poiché i risultati delle sue radiografie sono risultati negativi.

La notizia porta sicuramente ottimismo sul fatto che Kristaps Porzingis non dovrà perdere troppo tempo, se non del tutto. Tuttavia, i fan di Mavs hanno visto in prima persona i pericoli di lasciare che la tua stella giochi attraverso qualsiasi dolore persistente, poiché Luka Doncic è stato dentro e fuori dal campo con i suoi problemi di infortunio.

I Mavs hanno combattuto il bug degli infortuni per tutta la stagione. Speriamo che abbiano la meglio sulle cose mentre la seconda metà della stagione si avvicina.

La reazione di 22 parole di Pau Gasol al vincitore della partita di Austin Reaves per Lakers vs. Mavs

È sicuro dire che Pau Gasol si è goduto la vittoria dei Los Angeles Lakers sui Dallas Mavericks mercoledì, grazie in gran parte ad Austin Reaves.

Reaves ha incassato il vincitore della partita nei tempi supplementari – con meno di un secondo rimasto! – per dare ai Lakers una vittoria per 107-104. Sembrava che Purple e Gold fossero sul punto di perdere, soprattutto dopo aver sperperato un vantaggio iniziale di 10 punti, ma Reaves si è fatto avanti proprio quando LeBron James e compagni avevano più bisogno di lui per fornire un colpo di frizione per secoli.

Gasol, che ha sostenuto i Lakers anche dopo il suo ritiro, non ha potuto trattenere la sua reazione a quella che ha definito una “partita incredibile”. Era anche pieno di elogi per Reaves, aggiungendo che gli è piaciuto molto a causa del debuttante.

https://twitter.com/paugasol/status/1471321504327475201

I Lakers avevano davvero bisogno di quella vittoria e, come ha detto Pau Gasol, la loro prestazione è stata piuttosto notevole. Dopotutto, hanno dimostrato di non arrendersi facilmente quando il gioco si fa duro.

Los Angeles è migliorata a 16-13 in stagione con la vittoria, salendo al sesto seme nella Western Conference. Ora hanno vinto tre vittorie consecutive mentre alleviano lentamente le preoccupazioni dei fan sui loro problemi di chimica e le prime lotte.

Resta da vedere se i Lakers riusciranno a mantenere lo slancio, ma sicuramente avranno un grande sostenitore a Gasol, qualunque cosa accada.

La notte epica della star di Warriors Stephen Curry suscita il triste commento di Klay Thompson di Draymond Green

Stephen Curry ha battuto il record di tutti i tempi per le triple realizzate in carriera. I Golden State Warriors[canotte basket Golden State Warriors poco prezzo] hanno vinto in trasferta. È facile pensare che tutto debba essere buono, giusto? Bene, ripensaci.

Attraverso tutto il successo ottenuto da Curry nella sua carriera, una costante è stata la presenza di Klay Thompson. Senza l’altra metà degli Splash Brothers, la storica serata del due volte MVP al Madison Square Garden è sembrata un po’ incompleta. È qualcosa che Draymond Green ha sottolineato dopo la vittoria dei Warriors sui New York Knicks.

Tramite Warriors su NBCS:

“Penso che l’unica cosa che mi mancava fosse che Klay non fosse qui, solo con la strada percorsa per arrivarci, Klay era una parte enorme di questo. Quindi, se qualcosa avrebbe potuto essere diverso, era quello. Ma a parte questo, una notte molto, molto speciale per una persona speciale, per una persona speciale. Molto speciale. È fantastico farne parte.”

È sicuro dire che la strada di Stephen Curry per battere il record di Ray Allen è stata facilitata dalla presenza di Klay Thompson. Mentre la capacità di Curry di colpire i colpi è diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto, Thompson ha portato la gravità che ha attratto le difese avversarie quando sono sul pavimento insieme. Ciò ha dato a Curry più spazio e tutti sanno che la guardia superstar ha bisogno solo di un pollice di aria libera per lanciare quei missili a ricerca di cerchioni.

Non passerà molto tempo prima che Thompson faccia il suo tanto atteso ritorno. Quando ciò accadrà, il colosso dei Warriors sarà ancora più imponente. Per ora, siamo abbastanza sicuri che Thompson stia celebrando felicemente il successo di Stephen Curry a modo suo, su una barca, in cima a una montagna o ovunque il suo spirito libero lo porti.negozio canotte basket poco prezzo