Fred VanVleet schiaffeggia i Raptors con la dura realtà in mezzo alle lotte

I Toronto Raptors non sembrano riuscire a mantenere un successo duraturo in campo. Dopo due vittorie contro le migliori squadre della Eastern Conference, non sono riusciti a capitalizzare lo slancio, cadendo contro gli Oklahoma City Thunder, 110-109.

Dopo la partita, la guardia dei Raptors Fred VanVleet ha parlato dell’incoerenza che ha afflitto la sua squadra nelle ultime settimane.

Tramite Josh Lewenberg dell’Athletic:

“Sembra essere il nostro modello”, ha ammesso VanVleet dopo la sconfitta dei Raptors. “Gioca bene, gioca davvero male, fatti sgridare, gioca duro, poi ricomincia da capo. Quindi è sicuramente deludente, ma è quello che è”.

Sin dalla striscia di 5 vittorie consecutive di Toronto all’inizio di novembre, la squadra ha ampiamente faticato a mettere insieme vittorie consecutive. Da allora sono andati 4-8.

“Si tratta di vincere partite con la palla e fare le cose nel modo giusto e non riusciamo a resistere abbastanza a lungo per vincere contro squadre di cui dobbiamo pensare di essere migliori. Ma in NBA non funziona così perché stasera erano la squadra migliore”.

I Toronto Raptors hanno un roster profondo e talentuoso perfettamente in grado di terrorizzare le squadre in una data notte quando sono in gioco. Ma con l’ondata di infortuni unita allo sforzo altamente volatile della squadra, Fred VanVleet e Co. devono riorganizzarsi per recuperare il ritmo.

Stephen Curry sulla rottura di Ray Allen, il record di Klay Thompson nella stessa partita

San Francisco, CA – I Golden State Warriors hanno ottenuto la ventesima vittoria della stagione. È stato ancora una volta guidato da un’altra brillante performance di tiro di Stephen Curry. Ha terminato la partita con 31 punti e ha abbattuto sette triple. Ora ha solo 15 tentativi dalla lunga distanza per superare Ray Allen come numero uno di tutti i tempi.

Curry può far sì che ciò accada in casa mercoledì sera contro i Blazers, ma ciò significherebbe anche battere il record di 14 triple realizzate dal suo compagno di squadra Klay Thompson in una singola partita. Con tutto ciò in gioco, ha spinto i giornalisti a porre la domanda se Curry proverà a farlo mercoledì.

“Se hai visto come ho giocato, soprattutto di recente, non sono timido nel tirare la palla. Il gioco detterà come sarà. Non sto venendo fuori con questo come un vero obiettivo di come giocherò, ma sono successe cose più folli”, ha detto la star di Warriors Stephen Curry a ClutchPoints.

Curry ha dichiarato pubblicamente di voler battere il record di Thompson, e quale modo migliore per farlo se non la notte in cui superi Ray Allen. Sarebbe davanti al pubblico di casa e il primo pezzo di storia creato all’interno del Chase Center.

La più grande minaccia dei Warriors nel podcast di Warriors’ Multiverse

Non importa quando, come e dove accadrà, questo risultato sarà notevole. Alcuni pensavano che Ray Allen avesse alzato troppo l’asticella quando suonava. Ora, Stephen Curry ha solo 15 anni e gioca al culmine del suo apice. Inseguendo due record, la star dei Warriors ha riflettuto molto di recente.

La partita di mercoledì sarà contro i Portland Trail Blazers e questa è una delle squadre preferite di Curry da bruciare. Quindi questo è un gioco da non perdere perché Curry potrebbe fare la storia mentre trotta sul pavimento per i Warriors.

GUARDA: Video virale della star di Warriors Klay Thompson che colpisce l’epico vincitore del gioco in mischia

Klay Thompson ha fatto notizia lunedì dopo aver superato la sua prima sessione di scrimmage completa con i Santa Cruz Warriors della G League. A quanto pare, ci sono ancora più chicche da dove provengono.

Thompson sembrava di nuovo se stesso quando ha colpito un vincitore epico durante l’allenamento. Non sorprende che la clip dello scatto di cui sopra sia diventata completamente virale:

La stella dei Golden State Warriors ha preso la palla per tutta la lunghezza del campo in quello che sembra essere un momento cruciale della partita. Non appena ebbe il sasso in mano, Klay Thompson capì cosa avrebbe fatto. Probabilmente ogni singola persona all’interno della struttura sapeva cosa sarebbe successo, inclusa la squadra avversaria. Non importava molto, tuttavia, poiché Thompson ha segnato un triplo epico degno di vincere qualsiasi partita NBA.

È stato anche riferito che Klay ha effettuato i suoi primi 18 colpi durante la sessione di prove, il che indica chiaramente il fatto che ha già ottenuto il suo ritmo a questo punto. Devi ricordare, tuttavia, che è stato fuori combattimento negli ultimi due anni, quindi non dovremmo aspettarci che venga a sparare fuori dal cancello una volta che avrà finalmente fatto il suo debutto per i Warriors. O dovremmo?

John Wall risponde alle fake news che vuole essere l’opzione numero 1 con i Rockets

John Wall vuole chiaramente giocare con gli Houston Rockets[canotte basket Houston Rockets poco prezzo] mentre la squadra cerca potenziali partner per scambiarlo. Tuttavia, per quanto riguarda i rapporti sul suo ruolo desiderato, Wall chiama notizie false.

Dopo che è stato rivelato che Wall ha parlato con i dirigenti dei Rockets del suo futuro con la squadra e della possibilità che possa giocare di nuovo, sono emerse diverse voci su ciò che vuole al suo ritorno. Per uno, Shams Charania di The Athletic ha affermato che il playmaker veterano ha chiesto di “avere un ruolo di partenza e competere per mantenerlo”.

Nel frattempo, secondo l’insider NBA Jordan Schultz, Wall “si vede come l’opzione numero 1 sui Rockets” se dovesse tornare.

Dopo aver visto il rapporto di Schultz, però, Wall ha negato la voce e l’ha definita una “bugia”.

Resta da vedere se i Rockets interpreteranno di nuovo John Wall. Inoltre, potrebbe esserci qualche vantaggio in quanto le squadre potrebbero vedere se è abbastanza sano per giocare e competere ad alto livello. La sua mostruosità di un contratto rende difficile scambiarlo, quindi l’unico modo in cui Houston può convincere gli altri che vale il rischio è se è sano e in grado di contribuire alla vittoria.

I Rockets sono 3-16 in quella che è in gran parte prevista come una stagione di ricostruzione per loro, quindi non è una sorpresa che vogliano concentrarsi sul dare più tempo di gioco ai loro giovani giocatori come Jalen Green e Kevin Porter Jr. nel campo di fondo.negozio canotte basket poco prezzo

Tuttavia, se Wall non chiede di iniziare o di essere l’opzione numero 1, allora potrebbero sicuramente trovare il modo di farlo giocare.

La star dei Nets Kevin Durant canalizza Charles Barkley in un applauso ai fan in mezzo alla saga delle gambe cineree

La star dei Brooklyn Nets, Kevin Durant, è coinvolto in uno scandalo a cui non vuole assolutamente far parte, ed è tutto basato sulle sue gambe cineree. Dopo che una foto della pelle incredibilmente secca sulla sua gamba è diventata virale, quasi tutti hanno pesato sulla mancanza di una routine idratante della superstar.

Dopo aver fatto lui stesso una battuta sull’intero calvario, Durant ha applaudito a un fan che ha definito sarcasticamente il suo tweet iniziale “di classe”. Sorprendentemente, Durant ha citato nientemeno che Charles Barkley nella sua risposta.

KD sta solo cercando di giocare e non deve fare attenzione con il suo comportamento online. Lo sappiamo. Il capocannoniere della NBA non ha mai evitato la sua opinione online, e sa che arriva con alcune opinioni scrutatrici. Bene, sta mettendo in chiaro che non è nel business di essere un modello.

Ovviamente, Barkley disse la stessa cosa nel 1993 in un famoso spot Nike, e il messaggio è ugualmente valido dalla posizione di Durant. Il tweet iniziale della star di Nets era solo un innocuo divertimento dopo che l’intera Internet si è fatta una risata a sue spese. Lascia a Twitter che qualcuno trovi i suoi commenti fuori luogo o inappropriati, ma KD semplicemente non ha avuto tempo per tutto questo oggi.

Dopo aver passato così tanto tempo a interpretare il ruolo del cattivo nell’NBA, è piacevole vedere KD completamente concentrato sul suo gioco con i Nets e non preoccuparsi delle opinioni dei fan. Tuttavia, ciò non significa che non impiegherà qualche secondo per arrostire un hater sui social media quando si presenterà l’opportunità.

RUMOR: L’infortunio alla schiena della star di Nuggets Michael Porter Jr. riceve un aggiornamento preoccupante

Quando i Denver Nuggets hanno escluso Michael Porter Jr. a tempo indeterminato, si temeva che il suo attuale problema alla schiena fosse serio e potesse costargli un po’ di tempo, o peggio, la stagione. Data la sua storia con disturbi alla schiena, queste erano ipotesi realistiche fatte sia dai fan che dagli esperti.

Ora, secondo gli ultimi rapporti, quelle paure potrebbero davvero essere vere. Per Mike Singer del Denver Post, l’infortunio di MPJ è un problema nervoso. Resta da vedere cosa farà la squadra per aiutare il giovane attaccante nel suo trattamento, ma un intervento chirurgico non è fuori dall’equazione.

L’attaccante dei Nuggets Michael Porter Jr. sta affrontando un problema nervoso alla schiena che potrebbe mettere a repentaglio la sua stagione, secondo quanto riferito da fonti della lega al The Denver Post.

I Nuggets sono stati vaghi sui dettagli dell’infortunio e su quando ci si potrebbe aspettare che Porter torni. Gli hanno dato una tempistica di una settimana per mostrare miglioramenti prima di considerare altre opzioni di trattamento. Un altro intervento chirurgico alla schiena è una possibilità, hanno detto le fonti.

Per quel che vale, dopo la sconfitta di domenica contro i Phoenix Suns, in cui i Nuggets hanno perso anche Nikola Jokic per un infortunio al polso, il capo allenatore Michael Malone ha notato che Porter è in Florida per ottenere più opinioni riguardo al suo problema alla schiena.

A quanto pare, è possibile che i Nuggets sperino di evitare un altro intervento chirurgico poiché MPJ ne aveva già avuti due anche prima di giocare una partita ufficiale NBA. Per ricordare, ha subito un intervento chirurgico alla schiena durante il suo anno solitario nel Missouri, interrompendo la sua stagione e spingendo verso il basso le sue azioni, motivo per cui è finito a Denver al n. 14 nel 2018.

MPJ ha subito un altro intervento chirurgico dopo che Denver lo ha scelto, costringendolo a perdere tutto il suo primo anno nella NBA.

C’erano grandi aspettative che Michael Porter Jr. avrebbe avuto un anno di svolta in questa stagione dopo la sua già forte stagione 2020-21. Con Jamal Murray messo da parte a tempo indeterminato a causa di un ACL strappato, il 23enne avrebbe dovuto essere la seconda opzione sull’attacco di Denver e un altro leader per la squadra, solo dietro Nikola Jokic.

“Saremo senza Jamal [Murray] per gran parte di questa stagione, quindi sarò considerato più come un leader in quella squadra”, ha detto Porter a ClutchPoints in un’intervista esclusiva prima dell’inizio della stagione. “Devo essere più vocale, quindi questa è una grande cosa in cui devo essere migliore.

“Penso che devo solo essere rinchiuso ogni notte e aiutare a guidare la mia squadra dentro e fuori dal campo. Ovviamente accumula punti, prendi rimbalzi, sii più un regista là fuori. Queste sono alcune cose che devo migliorare”.

Sfortunatamente, per come stanno andando le cose, sembra che Porter starà fuori per molto più tempo del previsto. I Nuggets sono naturalmente cauti delle sue condizioni, quindi non sarà una sorpresa se finirà per perdere mesi di azione.

Tyrese Maxey dei Sixers si apre alla vita in difesa senza Joel Embiid, Matisse Thybulle

Quando il roster dei Philadelphia 76ers[canotte basket Philadelphia 76ers poco prezzo] ha inizialmente preso un colpo, la squadra ha fatto un buon lavoro rimanendo competitiva. Sfortunatamente, le cose hanno preso una brutta piega nel loro recente tratto. Sebbene abbiano ricevuto alcuni rinforzi sotto forma di Tobias Harris, i Sixers si trovano ancora dalla parte sbagliata di una serie di quattro sconfitte consecutive.

Essere senza i servizi di alcuni attori chiave sta prendendo il sopravvento. Dopo aver iniziato la stagione regolare con una nota positiva, i Sixers siedono appena sopra .500 con un record di 8-6. C’è ancora del tempo prima che i giocatori rimasti possano tornare dai protocolli di salute e sicurezza, quindi spetterà al gruppo a corto di personale trovare un modo per porre fine allo slittamento perdente.

Non è una sorpresa che i Sixers abbiano lottato da quando Joel Embiid è stato costretto a lasciare la formazione. È uno dei migliori talenti della lega oggi e il punto focale del sistema offensivo di Doc Rivers. Ma non è solo il suo dominio in fase offensiva che la squadra ha mancato.

Nel corso degli anni, i Sixers si sono guadagnati la reputazione di essere una potenza difensiva. Guidato da personaggi del calibro di Embiid e Ben Simmons, Philly era regolarmente tra le migliori difese della NBA. Anche con Simmons attualmente lontano dalla squadra, il centro All-Star ha fatto del suo meglio per mantenere quell’alto livello di gioco in fase difensiva.

Riempire il vuoto che Embiid ha lasciato nella difesa è una grande richiesta e qualcosa con cui i Sixers hanno lottato. Dopo la sconfitta di sabato contro i Pacers, Tyrese Maxey ha iniziato a non avere la difesa d’élite di Embiid e Matisse Thybulle.

“Quando commetti un errore, lo copriranno perché sono solo ragazzi speciali. Puoi fare una scommessa e perderlo. Matisse coprirà e otterrà un blocco. Joel è alto 7 piedi al cerchio, vieni spazzato via, sta bloccando o sta sfidando i colpi. Quindi, è difficile per i giocatori offensivi segnare su di loro. Dobbiamo essere collettivamente più solidi senza quei ragazzi”, ha detto Maxey.

Embiid e Thybulle sono rispettosamente due dei migliori difensori della lega nella loro posizione. Il disordine che provocano su quel lato del pavimento è al limite insostituibile. Come ha detto Maxey, l’unico modo per restare a galla è uno sforzo collettivo.negozio canotte basket poco prezzo

Guardando alla strada da percorrere, i Sixers avranno bisogno di un elevato sforzo collettivo in difesa se vogliono porre fine alla loro sbandata perdente. Con gli incontri contro Utah Jazz, Denver Nuggets, Portland Trail Blazers e Golden State Warriors in arrivo, c’è una serie di marcatori di livello d’élite che dovranno essere rallentati per avere qualche possibilità di rubare una vittoria.

Una cosa che questa squadra ha dimostrato è che non hanno intenzione di ribaltarsi. Non importa chi è disponibile in qualsiasi notte, i Sixers intendono dare a ogni avversario il loro colpo migliore. Tra la ritrovata unione di questo gruppo e lo spirito competitivo che hanno mostrato ogni sera, faranno sicuramente tutto il necessario per tirare avanti fino a quando il roster non tornerà al completo.

Anthony Davis dei Lakers diventa reale affrontando Alex Caruso, Bulls

Anthony Davis, Russell Westbrook e i Los Angeles Lakers ospiteranno i Chicago Bulls lunedì, il che significa che Alex Caruso farà il suo agrodolce ritorno allo Staples Center.

Naturalmente, questa volta, Caruso indosserà il rosso anziché l’oro, uno spettacolo che i fan dei Lakers non hanno ancora superato. IRL, sarà ancora più difficile da elaborare.

Dopotutto, i Lakers hanno stranamente e insultato Caruso – che hanno sviluppato da un free agent non scelto in un difensore del calibro di All-NBA ed eroe di culto – per motivi di tassa sul lusso durante l’estate. Chicago, intelligentemente, ha offerto al 28enne un contratto di quattro anni da 37 milioni di dollari.

Finora in questa stagione, i Bulls con il nuovo look sono 8-4. Caruso ha una media di 3,3 recuperi ogni 36 minuti e scatena i momenti salienti notturni.

A Davis potrebbe mancare di giocare al fianco di Caruso, che ha iniziato la gara 6 delle finali NBA del 2020 poco più di un anno fa. Lunedì, però, sarà entusiasta di affrontare il “GOAT”.

Dopo la prestazione dominante di Davis nella vittoria casalinga per 114-106 dei Lakers sui San Antonio Spurs di domenica, gli è stato chiesto del match contro Caruso e la squadra della sua città natale.

“Chi? Non conosco quel ragazzo”, ha scherzato Davis all’inizio, dopo aver sentito il nome di Caruso.

“No, sarà divertente giocare di nuovo contro l’AC”, ha continuato. “Tutte le cose che ha portato alla nostra squadra per vincere un campionato e alla nostra squadra l’anno scorso. È stato una parte importante di ciò che abbiamo fatto qui. Probabilmente sarà un po’ più emotivo per lui che per me, solo perché è tornato qui a Los Angeles. Di solito è più emozionante quando torno a Chicago. Ma ogni volta che ho la possibilità di giocare con i Bulls, è sempre divertente andare contro la squadra della tua città. Sarà divertente ed emozionante giocare contro l’AC. Cercheremo di ottenere quella vittoria contro di lui”.

La verità dietro l’ascesa della star dei Clippers Paul George, secondo Erik Spoelstra degli Heat

LOS ANGELES – Paul George contro Erik Spoelstra è un match da tenere d’occhio ormai da quasi un decennio. La star dei Los Angeles Clippers e l’allenatore dei Miami Heat hanno visto il loro primo grande incontro l’uno contro l’altro nel secondo anno di George in campionato come membro degli Indiana Pacers e nel quarto anno di Spoelstra come capo allenatore di Miami.

I due hanno avuto tre battaglie consecutive nei playoff della Eastern Conference, inclusi i matchup consecutivi delle Eastern Conference Finals nel 2013 e nel 2014. Nei precedenti match, George stava ancora trovando il suo posto nella lega e con l’Indiana. Come decima scelta assoluta nel Draft NBA 2010, George aveva un potenziale come tiratore e difensore, ma c’erano preoccupazioni sulla sua capacità di creare per se stesso entrando nel Draft NBA.

Le sfortunate lesioni di Danny Granger hanno coinciso con l’arrivo di Paul George e i Pacers sono stati costretti a mettere la palla nelle sue mani. Quello che hanno visto svilupparsi davanti ai loro occhi era una rara superstar a doppio senso.

“Penso che sia arrivato inizialmente come un ragazzo con un grande potenziale. All’inizio, si sono affidati a lui per essere un difensore e un trequartista e ovviamente è cresciuto in un decennio per diventare uno dei migliori marcatori in questo campionato”, ha detto l’allenatore degli Heat Erik Spoelstra prima della partita degli Heat con i Clippers giovedì. “Abbiamo grande rispetto per lui”.

Con Kawhi Leonard che manca l’inizio della stagione e non si prevede di tornare presto, George e i suoi compagni di squadra hanno paragonato il suo ruolo a quello dei suoi giorni in Indiana. Finora, ha sostenuto il carico di lavoro offensivo e ha raccolto i migliori giocatori della squadra avversaria da una notte all’altra.

Spoelstra vede somiglianze nel ruolo di George da sette, otto anni fa ad oggi. E per Spo, non è affatto sorprendente.

“È sempre stato in grado di essere il protagonista di un franchise”, ha aggiunto Erik Spoelstra. “Questo è il Paul George che conosciamo dai Miami Heat. Abbiamo avuto quelle battaglie con lui quando era in Indiana ed era un problema. Uno dei migliori giocatori a due vie in questo gioco. Quando era giovane, schierava ogni singola partita contro Dwyane [Wade] o LeBron [James] e poi si assumeva grandi responsabilità offensive dall’altra parte. Era un giocatore di grande impatto ed è proprio quello che gli stai vedendo fare ora.

“Ci sono stati diversi anni nella sua carriera in cui è stato in conversazione per MVP. Non si può dire lo stesso di tutti i giocatori di questo campionato”.

George è stato in lacrime per iniziare la stagione, seduto terzo in campionato per punteggio e secondo per palle rubate. In 11 partite, ha portato i Clippers a un record di 7-4 con una media di 26,7 punti, 7,8 rimbalzi, 5,4 assist e 2,5 recuperi a partita con il 45,6 percento di tiri dal campo e il 36,1 percento da .

Guidati da George, i Clippers hanno il terzo miglior punteggio difensivo della lega dietro solo 10-1 Golden State Warriors e 7-4 Denver Nuggets. La loro difesa è ciò che ha permesso loro di rimanere in partita quando il loro attacco faticava a ritrovarsi nelle prime cinque partite.

Tyronn Lue è alla sua seconda stagione come capo allenatore dei Clippers, e anche lui ammette di essere un po’ sorpreso da quanto Paul George sia stato impegnato e attivo sulla difensiva ogni partita di questa stagione.

“Sapevamo che poteva segnare il basket”, ha detto Lue di George. “Sapevamo che era uno dei migliori giocatori a due vie del campionato, ma penso che quest’anno solo la sua difesa, che vola, deviazioni, ruba, penso che si carica, si tuffa sul pavimento per le palle perse, ha davvero impostato il tono per la nostra squadra presto. Penso che in fase difensiva, quando hai il tuo miglior giocatore che fa di tutto, il modo in cui ha difensivamente, significa davvero molto per i nostri giovani ragazzi, quindi devono seguire il suo esempio e ha fatto un ottimo lavoro con questo.

George ha vinto la Western Conference Player of the Week per la prima volta in questa stagione. Non sarà l’ultimo, dice Reggie Jackson.

“Non credo che abbiamo visto le sue partite migliori”, ha detto Jackson dopo una partita contro i Blazers. “Quando un ragazzo del genere gareggia come fa lui, tutti intorno a lui devono elevare il proprio gioco, quindi penso che stia dando l’esempio per noi e che stia dando a tutti noi l’onere di uscire qui ed essere la migliore versione di noi stessi e, sì, è stato fenomenale. È stato fenomenale essere al suo fianco ed essere per questo gruppo”.

Erik Spoelstra e i Miami Heat aspirano al campionato, proprio come Paul George e i LA Clippers. Miami ha giocato senza il suo miglior giocatore, Jimmy Butler, mentre i Clippers hanno combattuto senza il suo migliore Kawhi Leonard. Se Leonard è in grado di tornare da qualche parte lungo la linea, c’è sempre la possibilità di vedere George e Spoelstra affrontare ancora una volta nella postseason.

Il messaggio forte di Rudy Gobert dei Jazz dopo l’alterco con Myles Turner

Il centro degli Utah Jazz Rudy Gobert ha litigato con il centro degli Indiana Pacers Myles Turner durante la sconfitta per 111-100 dei Jazz ieri. Gobert e Turner sono stati espulsi insieme a Donovan Mitchell dello Utah, che ha cinguettato sulla panchina dell’Indiana dopo che la rissa è stata interrotta.

Dopo la partita, Gobert ha detto ai giornalisti che i combattimenti tra giocatori NBA sono principalmente per le telecamere e che le persone che si comportano come se stessero per combattere dovrebbero smettere di farlo.

Nella stessa risposta, Gobert ha detto che il suo allenatore di boxe era presente, sostenendo che cerca di mantenere la calma come gli è stato insegnato. Non ha perso completamente la calma, anche se la sua fiammata con Turner suggerisce che stava cercando di difendersi. Turner ha detto che la lotta è stata istigata da Gobert che si è infilato i pantaloncini dopo aver bloccato il suo tiro.

Lonzo Ball ha riassunto i sentimenti di Gobert in un incidente del 2017 quando era un membro dei Los Angeles Lakers. Dopo essere stato visto allontanarsi da una rissa tra i Lakers e i Phoenix Suns, Ball ha detto dopo la partita che ha evitato il combattimento perché non voleva ricevere un fallo tecnico.

Il messaggio di Gobert sui combattimenti NBA in genere è vero. I giocatori che si lanciano pugni veri l’uno contro l’altro sono rari e colpirli è ancora più raro. L’alterco di ieri è stato semplicemente un momento di fuoco che ha portato ad afferrare e spingere il braccio, il che non è una novità.