La verità dietro l’ascesa della star dei Clippers Paul George, secondo Erik Spoelstra degli Heat

LOS ANGELES – Paul George contro Erik Spoelstra è un match da tenere d’occhio ormai da quasi un decennio. La star dei Los Angeles Clippers e l’allenatore dei Miami Heat hanno visto il loro primo grande incontro l’uno contro l’altro nel secondo anno di George in campionato come membro degli Indiana Pacers e nel quarto anno di Spoelstra come capo allenatore di Miami.

I due hanno avuto tre battaglie consecutive nei playoff della Eastern Conference, inclusi i matchup consecutivi delle Eastern Conference Finals nel 2013 e nel 2014. Nei precedenti match, George stava ancora trovando il suo posto nella lega e con l’Indiana. Come decima scelta assoluta nel Draft NBA 2010, George aveva un potenziale come tiratore e difensore, ma c’erano preoccupazioni sulla sua capacità di creare per se stesso entrando nel Draft NBA.

Le sfortunate lesioni di Danny Granger hanno coinciso con l’arrivo di Paul George e i Pacers sono stati costretti a mettere la palla nelle sue mani. Quello che hanno visto svilupparsi davanti ai loro occhi era una rara superstar a doppio senso.

“Penso che sia arrivato inizialmente come un ragazzo con un grande potenziale. All’inizio, si sono affidati a lui per essere un difensore e un trequartista e ovviamente è cresciuto in un decennio per diventare uno dei migliori marcatori in questo campionato”, ha detto l’allenatore degli Heat Erik Spoelstra prima della partita degli Heat con i Clippers giovedì. “Abbiamo grande rispetto per lui”.

Con Kawhi Leonard che manca l’inizio della stagione e non si prevede di tornare presto, George e i suoi compagni di squadra hanno paragonato il suo ruolo a quello dei suoi giorni in Indiana. Finora, ha sostenuto il carico di lavoro offensivo e ha raccolto i migliori giocatori della squadra avversaria da una notte all’altra.

Spoelstra vede somiglianze nel ruolo di George da sette, otto anni fa ad oggi. E per Spo, non è affatto sorprendente.

“È sempre stato in grado di essere il protagonista di un franchise”, ha aggiunto Erik Spoelstra. “Questo è il Paul George che conosciamo dai Miami Heat. Abbiamo avuto quelle battaglie con lui quando era in Indiana ed era un problema. Uno dei migliori giocatori a due vie in questo gioco. Quando era giovane, schierava ogni singola partita contro Dwyane [Wade] o LeBron [James] e poi si assumeva grandi responsabilità offensive dall’altra parte. Era un giocatore di grande impatto ed è proprio quello che gli stai vedendo fare ora.

“Ci sono stati diversi anni nella sua carriera in cui è stato in conversazione per MVP. Non si può dire lo stesso di tutti i giocatori di questo campionato”.

George è stato in lacrime per iniziare la stagione, seduto terzo in campionato per punteggio e secondo per palle rubate. In 11 partite, ha portato i Clippers a un record di 7-4 con una media di 26,7 punti, 7,8 rimbalzi, 5,4 assist e 2,5 recuperi a partita con il 45,6 percento di tiri dal campo e il 36,1 percento da .

Guidati da George, i Clippers hanno il terzo miglior punteggio difensivo della lega dietro solo 10-1 Golden State Warriors e 7-4 Denver Nuggets. La loro difesa è ciò che ha permesso loro di rimanere in partita quando il loro attacco faticava a ritrovarsi nelle prime cinque partite.

Tyronn Lue è alla sua seconda stagione come capo allenatore dei Clippers, e anche lui ammette di essere un po’ sorpreso da quanto Paul George sia stato impegnato e attivo sulla difensiva ogni partita di questa stagione.

“Sapevamo che poteva segnare il basket”, ha detto Lue di George. “Sapevamo che era uno dei migliori giocatori a due vie del campionato, ma penso che quest’anno solo la sua difesa, che vola, deviazioni, ruba, penso che si carica, si tuffa sul pavimento per le palle perse, ha davvero impostato il tono per la nostra squadra presto. Penso che in fase difensiva, quando hai il tuo miglior giocatore che fa di tutto, il modo in cui ha difensivamente, significa davvero molto per i nostri giovani ragazzi, quindi devono seguire il suo esempio e ha fatto un ottimo lavoro con questo.

George ha vinto la Western Conference Player of the Week per la prima volta in questa stagione. Non sarà l’ultimo, dice Reggie Jackson.

“Non credo che abbiamo visto le sue partite migliori”, ha detto Jackson dopo una partita contro i Blazers. “Quando un ragazzo del genere gareggia come fa lui, tutti intorno a lui devono elevare il proprio gioco, quindi penso che stia dando l’esempio per noi e che stia dando a tutti noi l’onere di uscire qui ed essere la migliore versione di noi stessi e, sì, è stato fenomenale. È stato fenomenale essere al suo fianco ed essere per questo gruppo”.

Erik Spoelstra e i Miami Heat aspirano al campionato, proprio come Paul George e i LA Clippers. Miami ha giocato senza il suo miglior giocatore, Jimmy Butler, mentre i Clippers hanno combattuto senza il suo migliore Kawhi Leonard. Se Leonard è in grado di tornare da qualche parte lungo la linea, c’è sempre la possibilità di vedere George e Spoelstra affrontare ancora una volta nella postseason.

Il messaggio forte di Rudy Gobert dei Jazz dopo l’alterco con Myles Turner

Il centro degli Utah Jazz Rudy Gobert ha litigato con il centro degli Indiana Pacers Myles Turner durante la sconfitta per 111-100 dei Jazz ieri. Gobert e Turner sono stati espulsi insieme a Donovan Mitchell dello Utah, che ha cinguettato sulla panchina dell’Indiana dopo che la rissa è stata interrotta.

Dopo la partita, Gobert ha detto ai giornalisti che i combattimenti tra giocatori NBA sono principalmente per le telecamere e che le persone che si comportano come se stessero per combattere dovrebbero smettere di farlo.

Nella stessa risposta, Gobert ha detto che il suo allenatore di boxe era presente, sostenendo che cerca di mantenere la calma come gli è stato insegnato. Non ha perso completamente la calma, anche se la sua fiammata con Turner suggerisce che stava cercando di difendersi. Turner ha detto che la lotta è stata istigata da Gobert che si è infilato i pantaloncini dopo aver bloccato il suo tiro.

Lonzo Ball ha riassunto i sentimenti di Gobert in un incidente del 2017 quando era un membro dei Los Angeles Lakers. Dopo essere stato visto allontanarsi da una rissa tra i Lakers e i Phoenix Suns, Ball ha detto dopo la partita che ha evitato il combattimento perché non voleva ricevere un fallo tecnico.

Il messaggio di Gobert sui combattimenti NBA in genere è vero. I giocatori che si lanciano pugni veri l’uno contro l’altro sono rari e colpirli è ancora più raro. L’alterco di ieri è stato semplicemente un momento di fuoco che ha portato ad afferrare e spingere il braccio, il che non è una novità.